Gli NFT rivoluzioneranno il settore Ticketing?

Non solo arte, se pensavate che gli NFT fossero una bolla non avete considerato i possibili casi d'uso.

Business News

15 Aprile 2021


Condividi :

| |

Le applicazioni della blockchain e delle criptovalute sono davvero infinite. In questo momento sotto i riflettori ci sono gli NFT, di cui abbiamo largamente parlato nel nostro ultimo articolo

Stiamo assistendo alla creazione di NFT nell’arte, nella musica, nel gaming e in ultimo, ma non per importanza, nello sport.

Nell’ultimo periodo è stata rilevante l’ascesa di Chiliz (CHZ), una blockchain incentrata su sport e intrattenimento che offre la possibilità di scambiare NFT e di emetterli. Chiliz vanta già partnership con i principali club calcistici al mondo tra i quali Barcellona, Juventus, Milan e Paris Saint-Germain, e a breve sembrerebbe dover stringere accordi con le squadre dell’NBA. È proprio in quest’ultimo settore che inizia a farsi largo un’idea. 

Mark Cuban e la biglietteria NFT 

Mark Cuban, proprietario dei Dallas Mavericks, già da tempo ha puntato su Dogecoin, la criptovaluta supportata anche da Elon Musk che ha avuto in un anno una crescita di circa il 6.000% .

“I Dallas Mavericks hanno ottenuto oltre 20.000 Dogecoin tramite transazioni, divenendo così il più grande ‘commerciante di DOGE’ al mondo!”

I Dallas Maverik accettano già Dogecoin, ma in un’intervista rilasciata su “The Delphi Podcast”, il magnate ha dichiarato di essere all’opera su una applicazione ben più remunerativa rispetto alla vendita di merchandising o collectible: l’implementazione di un sistema di biglietteria NFT per le partite dei Mavericks. 

Le sue parole in realtà sono state ben più colorite: 

“What are applications that this new technology can turn upside down? so that I can disrupt an industry and make a f*ck load of money… that is the opportunity I look for.” 

Tra i diversi vantaggi quello che sembra avere più peso è il mantenimento dei diritti d’autore su ogni biglietto rivenduto, che implica una revenue sul resell del biglietto. 

“Stiamo cercando di trovare una buona opzione per trasformare i nostri biglietti in NFT. Vogliamo essere in grado di trovare modi per cui, non solo i nostri fan possano comprare i biglietti e rivenderli, ma noi continuiamo a guadagnare le royalties su di loro”.

Il ticketing NFT è quindi un modo per rivoluzionare il modello tradizionale, che garantisce dei benefici sia per i fan che per la squadra. Una riflessione sicuramente va fatta anche sulla questione “bagarinaggio”, fenomeno diffusissimo nel settore della muisca quanto in quello dello sport. Sicuramente un sistema basato su blockachain non potrebbe eliminare questo fenomeno, ma potenzialmente ridurlo, e sicuramente sfruttarlo come non è mai stato possibile fare.

Mark Cuban ci tiene comunque a sottolineare che i fattori da considerare per l’implementazione di questo sistema sono molti e vanno presi in considerazione con cura, per tutelare lo sport e i tifosi.

Non solo arte, se pensavate che gli NFT fossero una bolla non avete considerato i possibili casi d’uso.

Inutile dire che se riuscite a vedere la potenzialità di questo caso nel settore sportivo, riuscirete a vedere quella globale degli eventi live nel settore dell’entertainment. Nella “Sports Market overview: new trends” di Nielsen si nota come nel 2018 lo sport (inteso come i proventi derivanti da diritti tv, sponsorship, ticketing e merchandising) rappresenti il 21% dell’industria dell’intrattenimento (130 miliardi su 616).

Questo è solo uno dei moltissimi casi d’uso che passano in sordina nel mainstream, anche perché dobbiamo ricordarci che stiamo camminando in un territorio, quello della blockchain, ancora poco esplorato e che siamo assolutamente sicuri abbia tutto il potenziale per rivoluzionare moltissimi settori.

In questo caso, quello che sicuramente diventa impattante è che gli NFT sono un’applicazione che possiamo definire più pratica, più “razionale”, di quanto possa essere quello della compravendita di opere d’arte, ovviamente soggette per natura ad una forte volatilità. In entrambi i casi comunque si tratta sempre e solo di domanda e offerta che, a prescindere dalle criptovalute, rimane la base dell’economia.

Se vuoi approfondire cosa sono gli NFT:

Leggi il nostro articolo;

NFT nel mondo della musica e dell’arte. Cosa sono, come si creano, dove si trovano, ma soprattutto: sono una bolla speculativa?

Fonti:

https://www.ilsole24ore.com/art/industria-dell-entertainment-solo-sport-fattura-130-miliardi–dati-interpretano-emozioni-AC8fDQw

https://cryptoslate.com/forget-overvalued-artwork-mark-cuban-sees-nft-ticketing-as-the-mass-market-disruptor/